Contenuto principale

Messaggio di avviso

Su Altalex, un articolo a firma di Maurizio Reale formula un primo commento sul decreto di adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del Regolamento comunitario in materia di dati personali, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 4 settembre. “La funzione del decreto legislativo 101/2018 è quella di armonizzare le norme enunciate dal nostro legislatore nel Codice in materia di protezione dei dati personali (decreto legislativo 196/2003) con quelle introdotte dal Regolamento Europeo 2016/679 entrato in vigore il 25 maggio scorso”.

Appare evidente come, anche questa volta il nostro legislatore non abbia brillato per tempestività, posto che sarebbe stata auspicabile l’emanazione e l’entrata in vigore del decreto, in concomitanza dell’entrata in vigore della normativa europea affinché non si creasse quella ovvia sovrapposizione (e contrasto) tra le norme nazionali e quelle dettate dal regolamento europeo.

Se da una parte la pubblicazione del decreto è avvenuta solo ieri, dall’altra è pur vero che il contenuto dello stesso era da tempo noto se è vero, come è vero, che una prima versione era stata palesemente criticata finanche dal Garante Europeo per la protezione dei dati, dott. Giovanni Buttarelli, il quale nel documento trasmesso ad integrazione dell’audizione del 7 giugno 2018, non aveva esitato a censurare duramente alcune delle norme in esso contenute.