Contenuto principale

Messaggio di avviso

La Blockchain, e più in generale le tecnologie basate su registri distribuiti (DLT) possono essere applicate in svariati settori, ma nonostante il loro potenziale esistono ancora alcuni ostacoli alla loro piena applicazione che necessitano di essere maggiormente approfonditi dagli esperti.

È proprio all’analisi di tali ostacoli, e più in generale alla riflessione sulle prospettive di adozione di tali tecnologie in ambito pubblico e privato che Tetiana Momot, Roman Teslenko e Daniele Tumietto hanno dedicato uno studio, i cui principali risultati sono stati riassunti su Agenda Digitale.

Lo scopo della ricerca condotta è quello di sostanziare i principi scientifici e metodologici dell’implementazione della tecnologia di DLT e Blockchain, che, secondo l’esperienza internazionale, consente di effettuare transazioni in completa (ma non assoluta) sicurezza con il coinvolgimento di un gran numero di oggetti e senza la necessità di intermediari, utilizzando un sistema matematico e le tecnologie per garantirne la fiducia reciproca.

La base teorica e metodologica per lo studio è stata costituita da lavori scientifici e materiali informativi e analitici di importanti scienziati, studiosi ed economisti internazionali nell’implementazione delle tecnologie DLT e Blockchain nel settore pubblico e privato come moderno strumento dell’economia digitale.

Nel corso dello studio sono state utilizzate le seguenti basi metodologie:

  • analisi astratto-logica per la generalizzazione teorica e la giustificazione delle direzioni e dei risultati dello studio
  • generalizzazione teorica per identificare e sistematizzare le caratteristiche specifiche delle tecnologie DLT e Blockchain, evidenziando l’ambito di applicazione degli smart contract
  • analisi statistiche e di sistema per l’analisi delle esperienze internazionali nell’applicazione pratica delle tecnologie Blockchain nel settore pubblico e privato