Contenuto principale

Messaggio di avviso

Nuovo tesoriereLa sezione delle autonomie della Corte dei conti chiude il microcosmo normativo del dissesto: riconosciuta la piena e non limitata competenza dell’Osl al riconoscimento dei debiti fuori bilancio ai fini della formazione della massa passiva e del piano di rilevazione.

Con la recente deliberazione 12/2020/qmig, depositata appena il 20 luglio scorso, la Sezione delle Autonomie della Corte dei conti, pronunciandosi sulla questione di massima posta dalla Sezione regionale di controllo per la Campania con la deliberazione 57/2020/PAR, enuncia il seguente principio di diritto: “Per i debiti fuori bilancio rinvenienti da atti e fatti di gestione verificatisi entro il 31 dicembre precedente a quello dell’ipotesi di bilancio stabilmente riequilibrato, non assume carattere indefettibile la previa adozione della deliberazione consiliare di riconoscimento, spettando all’organo straordinario di liquidazione ogni valutazione sull’ammissibilità del debito alla massa passiva.”

Contenuti:

  1. Riconoscimento dei debiti fuori bilancio: il parere della Corte dei Conti
  2. I quesiti riformulati in un unico interrogativo
  3. Una rilettura della disciplina normativa
  4. Le disposizioni del Tuel rivisitate
  5. L’articolo 254 del Tuel
  6. Un “microsistema extra ordinem”
  7. Lo scopo della procedura di dissesto
  8. Conclusioni