Contenuto principale

Messaggio di avviso

pa digitale

I dati dell’Osservatorio Agenda Digitale del Politecnico di Milano evidenziano valore, dimensione e concentrazione del mercato digitale della PA, portando alla luce i problemi che ne frenano lo sviluppo: servono cambiamenti urgenti

ll mercato digitale della PA vale 5,9 miliardi di euro (solo l’8% del mercato digitale italiano) ed è concentrato nelle mani di pochi attori: solo il 15% dei fornitori di ICT lavora con la PA mentre i primi dieci fornitori per fatturato coprono il 60% di quanto speso dalla PA in SPID, ANPR e pagoPA. Molte PA si limitano ancora oggi a chiedere alle aziende private prodotti e ore-uomo in body rental per sviluppare soluzioni digitali che rispondano a esigenze specifiche, definite più o meno bene dalle PA stesse. Il nuovo Piano triennale e il D.L. Semplificazioni cercano invece di far tendere il sistema verso uno scenario in cui la PA fornisce dati, API, incentivi, driver di sviluppo applicativo e regole generali e i privati valorizzano tutti questi elementi, concorrendo tra loro per sviluppare i servizi applicativi migliori, riducendo progressivamente lo sviluppo di prodotti poco interoperabili o l’offerta di ore in body rental.

L 'articolo